Queens of the Stone Age tour 2018. Una data in Italia a giugno

Dopo la tappa dello scorso novembre a Bologna, i Queens of the Stone Age torneranno in Italia a giugno 2018. Josh Homme e soci si esibiranno in piazza Napoleone a Lucca il 23 giugno all’interno di Lucca Summer Festival, kermesse che ospita in line-up anche Hollywood Vampires, King Crimson, Gorillaz, Nick Cave & The Bad Seeds, Roger Waters e Lenny Kravitz.

I Queens of the Stone Age hanno pubblicato quest’anno l’album Villains, recensito su queste pagine da Tommaso Iannini.

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2B9vC1K
via IFTTT

Annunci

Guarda l’esibizione natalizia dei Foo Fighters al Saturday Night Live

Ieri sera i Foo Fighters sono stati ospiti del programma americano Saturday Night Live all’interno del quale hanno eseguito un medley natalizio di tre canzoni comprendente una speciale versione di Everlong e le cover di Christmas (Baby Please Come Home) e Linus and Lucy. Oltre al trittico la band di Dave Grohl si è esibita inoltre in una versione live di The Sky Is A Neighorhood, singolo estratto dall’ultimo lavoro in studio Concrete and Gold.

Lo scorso ottobre i Foo Fighters sono stati tra i protagonisti del festival californiano Cal Jam ’17 durante il quale hanno suonato assieme a Liam Gallagher una cover di Come Together dei Beatles. Recentemente la band ha inoltre comunicato ulteriori informazioni circa il tour che il prossimo anno la porterà in giro per il mondo.

Di seguito trovate i video delle esibizioni di ieri sera, mentre su SA potete leggere la recensione di Concrete and Gold a cura di Riccardo Zagaglia.

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2zj8MC4
via IFTTT

Morgan mette all’asta i suoi oggetti personali: “Il Morgan che avete conosciuto fino ad oggi è morto”

Con un annuncio ufficiale pubblicato congiuntamente sul sito ufficiale e sui social media, Morgan ha annunciato la decisione di mettere all’asta tutti gli oggetti appartenenti al suo passato musicale per voltare artisticamente pagina. In particolare, sul sito dell’artista è stata aperta anche una sezione speciale chiamata Morgan Museum in cui i fan avranno la possibilità di acquistare oggetti, strumenti, abiti di scena e perfino il manoscritto originale della canzone Altre forme di vita, il tutto da ritirarsi direttamente nella sua abitazione, brevi manu come afferma lui stesso.

«Chiuso un ciclo di vita, mi preparo ad entrare in uno nuovo fatto di musica nuova, voce nuova, corpo nuovo, stile nuovo. Per compiere questa metamorfosi abbandono definitivamente tutto quello che appartiene al mio passato, al mio vissuto artistico, alla mia immagine, al mio feticcio», scrive Morgan che, il mese scorso, aveva dichiarato di aver presentato alla commissione di Sanremo 2018 «il più bel brano degli ultimi 49 anni» (non riuscendo però ad impressionarla a quanto pare).

Su SA potete leggere le recensioni di Italian Songbook Vol 1  (2009) e di Italian Songbook Vol 2 (2012), ultimo album in studio di Marco Castoldi.

http://ift.tt/2Csclov Monza, sabato 16 dicembre 2017 Il Morgan che avete conosciuto fino ad oggi è morto. Chiuso un ciclo di vita, mi preparo ad entrare in uno nuovo fatto di musica nuova, voce nuova, corpo nuovo, stile nuovo. Per compiere questa metamorfosi abbandono definitivamente tutto quello che appartiene al mio passato, al mio vissuto artistico, alla mia "immagine", al mio feticcio: metto all’asta tutto quello che ho intorno, dentro casa, nei cassetti, negli armadi, negli scaffali, nelle librerie; gli oggetti, gli strumenti, le carte, i vestiti e ogni altra cosa che mi possa ricordare chi o cosa ero. Me ne libero. Chiunque si aggiudicherà un oggetto lo riceverà direttamente a casa mia, consegnato dalle mie mani, brevi manu come si dice in latino, lo accoglierò in modo del tutto informale e privato, potrà conoscermi, vedermi al lavoro, parlarmi, se lo gradirà gli offrirò un caffè, se vorrà farà una foto e ci saluteremo dicendoci: "arrivederci/dammi la mano e sorridi…" …nel nuovo mondo di Morgan. Marco Castoldi in arte "Morgan"

A post shared by Marco "Morgan" Castoldi (@inartemorgan) on

//platform.instagram.com/en_US/embeds.js

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2BpOGFJ
via IFTTT

Ravenna Festival 2018. Svelato il programma con David Byrne, Terry Riley, Wayne Marshall e molti altri

E’ stato svelato il programma della XXIX edizione di Ravenna Festival, una ricca kermesse, marchiata dal doppio titolo We Have a Dream – A j ò fat un sogn che si svolgerà il prossimo anno dal 1 giugno al 22 luglio tra numerosi appuntamenti teatrali e concertistici con esibizioni live, spettacoli e concerti.

Ospite di spicco, per quanto riguarda la parte live non classica della kermesse, David Byrne che si esibirà il 19 luglio al Pala De André, ma all’interno del programma trovano spazio, tra gli altri, anche il direttore Wayne Marshall alla guida dell’Orchestra giovanile Luigi Cherubini (5 giugno), Terry Riley che presenta In C per ensemble (12 giugno), un musical scritto da Cole Porter nel 1949 intitolato Kiss me, Kate (dal 7 al 9 giugno), lo spettacolo Le 100 chitarre elettriche che porterà musica in vari luoghi dalla città e dintorni (dal 19 al 24 giugno), lo spettacolo di fratellanza Ravenna Kiev con l’Orchestra giovanile Luigi Cherubini e l’Orchestra e coro del teatro dell’opera nazionale dell’Ucraina diretto da Riccardo Muti (1 al 3 luglio), l’Orchestra sinfonica della Rai diretta da James Conlon (7 luglio), il pianista Stefano Bollani (13 luglio) e la messa in scena del Macbeth (15 luglio).

All’interno del filone “Nelle vene dell’America” proposto dalla direzione artistica dell’evento, l’ex Talking Heads si esibirà dal vivo in supporto ad un nuovo album dal probabile titolo American Utopia con uscita – ufficiosa – il 9 marzo (il leak deriva da un errore del portale Amazon che per qualche ora ha mostrato il titolo tra le sue pagine). Byrne ha raccontato di recente in una intervista che il nuovo show rappresenta il suo spettacolo più ambizioso dai tempi di Stop Making Sense: per realizzarlo ha escogitato un allestimento particolare completamente wireless (vi raccontiamo di più in una precedente notizia). Per quanto riguarda invece le possibili scalette, come riportato da un post pubblicato sul sito ufficiale, i concerti saranno incentrati sia sulle classiche hit dei Talking Heads sia sulle canzoni che faranno parte del disco solista in uscita.

Su SA potete trovare la recensione di Love This Giant, ultimo disco di Byrne pubblicato nel 2012 insieme a St. Vincent.

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2CKkAwS
via IFTTT

Sanremo 2018. Lo Stato Sociale e (i disciolti) Elio e le Storie Tese tra i venti BIG in gara

Sono stati annunciati in diretta ieri sera da Rocco Tanica assieme a Claudia Gerini e Fedrico Russodurante all’interno del programma televisivo su Rai1 Sarà Sanremo i nomi dei venti big che comporranno la 68esima edizione del Festival della canzone italiana. Tra i nomi in gara troviamo per la prima volta Lo Stato Sociale con il brano Una vita in vacanza, la coppia Diodato e Roy Paci con il brano Adesso, i Kolors con Frida e i “disciolti” Elio e le Storie Tese che con il brano Arrivedorci continueranno, dopo il concerto d’addio fissato al Mediolanum Forum il prossimo 19 dicembre, i saluti dopo 30 anni di onorata carriera.

Di seguito la lista completa degli ospiti. Su SA potete leggere le nostre recensioni di Studentessi (2008), Gattini (2009) e L’album biango (2013).

  • Roby Facchinetti e Riccardo Fogli con il brano «Il segreto del tempo»
  • Nina Zilli con il brano «Senza appartenere»
  • The Kolors con il brano «Frida»
  • Diodato e Roy Paci con il brano «Adesso»
  • Mario Biondi con il brano «Rivederti»
  • Luca Barbarossa con il brano «Passame er sale»
  • Lo Stato Sociale con il brano «Una vita in vacanza»
  • Annalisa con il brano «Il mondo prima di te»
  • Giovanni Caccamo con il brano «Eterno»
  • Enzo Avitabile e Peppe Servillo con il brano «Il coraggio di ogni giorno»
  • Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico con il brano «Imparare ad amarsi»
  • Renzo Rubino con il brano «Custodire»
  • Noemi con il brano «Non smettere mai di cercarmi»
  • Ermal Meta e Fabrizio Moro con il brano «Non mi avete fatto niente»
  • Le Vibrazioni con il brano «Così sbagliato»
  • Ron con il brano «Almeno pensami»
  • Max Gazzè con il brano «La leggenda di Cristalda e Pizzomunno»
  • Decibel con il brano «Fuori dal tempo»
  • Red Canzian con il brano «Ognuno ha il suo racconto»
  • Elio e le Storie Tese con il brano «Arrivedorci»

https://platform.twitter.com/widgets.js

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2olmiBX
via IFTTT

Squarepusher ha composto le musiche per la nuova console della Nintendo

Squarepusher ha composto delle musiche originali per la nuova console Nintendo, la Super Nt. Prodotto da Analogue, il nuovo sistema permette di integrare due controller wireless ed è compatibile con oltre 2.200 videogiochi della Super Nintendo. Lo scorso ottobre il musicista britannico si era occupato della musica inerente al trailer di Super Turrican: Directors Cut, gioco per SNES originariamente concepito nel 1993 uscito adesso in una nuova versione.

Lo scorso anno invece Squarepusher si era unito al coro di proteste anti-Brexit provenienti dal mondo della musica pubblicando il brano inedito MIDI sans Frontières.

Di seguito trovate il video della sigla iniziale dell’Analogue Super Nt composta anch’essa dal musicista, mentre su SA potete leggere un lungo monografico a lui dedicato e la recensione del disco pubblicato sotto l’alias Shobaleader One.

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2k21OcM
via IFTTT

Sufjan Stevens doveva comparire in “Chiamami col tuo nome” di Luca Guadagnino

Sufjan Stevens è presente nella colonna sonora di Call Me By Your Name con ben due brani, di cui uno inedito: Mystery of Love e Visions of Gideon. Tuttavia, il cantautore statunitense avrebbe dovuto avere anche un ruolo nel film di Luca Guadagnino. Stevens ha, infatti, dichiarato a Deadline: «Quando mi ha inviato lo script ho avuto qualche problema, perché c’era una voce fuoricampo. Avevano mantenuto un monologo del vecchio Elio e mi hanno chiesto di essere la sua voce fuoricampo. Mi avevano anche chiesto se avessi voluto apparire nel film cantando la canzone, per spezzare la narrazione. Sono tornato da lui e gli ho detto: ‘Penso che questa voce fuoricampo sia un errore, così come l’interruzione con me che canto la canzone’. Penso si sia trattato di un momento in cui dici quello che vorresti ad alta voce e non so avesse davvero intenzione di procedere con quell’idea. Quindi, ho detto: ‘Vi scriverò qualche canzone, ma questo è tutto quello che credo abbiate bisogno da me’. Ed è stato d’accordo. Quando ho visto il primo montaggio del film mi ha detto: ‘Avevi ragione, non c’era bisogno né del monologo né dell’interruzione’».

Chiamami col tuo nome arriverà nelle sale italiane il 25 gennaio 2018 con Sony Pictures ed è candidato a tre Golden Globe, incluso quello per il miglior film. Di seguito potete visualizzare il trailer italiano e leggere la sinossi del film. Recentemente, Stevens ha pubblicato Tonya Harding, brano dedicato all’omonima e famigerata pattinatrice olimpica.

Sinossi: È l’estate del 1983 nel nord dell’Italia, ed Elio Perlman (Timothée Chalamet), un precoce diciassettenne americano, vive nella villa del XVII secolo di famiglia passando il tempo a trascrivere e suonare musica classica, leggere, e flirtare con la sua amica Marzia (Esther Garrel). Elio ha un rapporto molto stretto con suo padre (Michael Stuhlbarg), un eminente professore universitario specializzato nella cultura greco-romana, e sua madre Annella (Amira Casar), una traduttrice, che gli danno modo di approfondire la sua cultura in un ambiente che trabocca di delizie naturali. Mentre la sofisticazione e i doni intellettuali di Elio sono paragonabili a quelli di un adulto, permane in lui ancora un senso di innocenza e immaturità, in particolare riguardo alle questioni di cuore. Un giorno, arriva Oliver (Armie Hammer) un affascinante studente americano di 24 anni, che il padre di Elio ospita per aiutarlo a completare la sua tesi di dottorato. In un ambiente splendido e soleggiato, Elio e Oliver scoprono la bellezza della nascita del desiderio, nel corso di un’estate che cambierà per sempre le loro vite.

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2zePQ7s
via IFTTT

Riguarda l’esibizione dei N.E.R.D. da Jimmy Kimmel

La scorsa notte, i N.E.R.D. sono stati gli ospiti musicali del Jimmy Kimmel Live! dove hanno avuto modo di eseguire due brani tratti dal loro nuovo album, No_One Ever Really Dies, disponibile da oggi nelle principali piattaforme di streaming e in formato fisico presso gli store. Pharrell Williams, Chad Hugo e Shay Hayley hanno intonato Lemon (brano che nella sua versione in studio conta il featuring di Rihanna) e 1000 (con il feat. di Future). Pharrell, inoltre, ha scambiato qualche battuto con Kimmel circa la reunion della band.

Potete visualizzare gli streaming video di seguito, mentre dalla nostra pagina album potete accedere direttamente all’ascolto del disco.

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2yDtiKb
via IFTTT

Björk tour 2018. Unica data italiana al Just Music Festival

L’organizzazione di Just Music Festival, in collaborazione con Il Teatro dell’Opera, ha annunciato l’unica data italiana del tour 2018 di Bjork in supporto al nuovo album Utopia. L’appuntamento è fissato per il 13 giugno a Roma, all’interno della cornice delle Terme di Caracalla. Le prevendite del concerto sono già disponibili su Ticketone al prezzo di 184 (settore A), 138 (settore C), 103, 50 (settore C) e 230 (Golfo Mistico – Posti in Piedi).

Utopia, pubblicato lo scorso 24 novembre a due anni di distanza il precedente Vulnicura, è stato recensito positivamente su queste pagine da Massimo Padalino. Di recente l’artista islandese ha condiviso per l’ascolto due remix del singolo Blessing Me e un interessante mixtape per il sito Mixmag.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = ‘http://ift.tt/2yFFsXX’; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

Björk torna in Italia! Il 13 giugno 2018 la grande artista islandese sarà al Just Music Festival per l’unica data…

Posted by Just Music Festival on Friday, December 15, 2017

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2obBJwf
via IFTTT

Depeche Mode tour 2018. Una data estiva in Italia a luglio

Dopo i tre concerti tenuti nei giorni scorsi tra Torino (9 dicembre e 11 dicembre) e Bologna (13 dicembre), e altri due appuntamenti previsti a gennaio (27 e 29) a Milano, i Depeche Mode hanno annunciato l’unica data estiva italiana del Global Spirit tour. Dave Gahan e soci si esibiranno il 2 luglio 2018 a Barolo (CN) in occasione della decima edizione del festival Collisioni. «I biglietti – comunica Live Nation – saranno disponibili a partire da lunedì 18 dicembre alle ore 11 su www.ticketmaster.it  and www.ticketone.it».

Sulle nostre pagine trovate, oltre alle news con le scalette degli ultimi concerti italiani, anche la recensione di Spirit, ultimo disco della band, a cura di Diego Ballani.

from SENTIREASCOLTARE http://ift.tt/2ywXDd7
via IFTTT